Analizzare le problematiche di un sito web e-commerce

Il commercio elettronico non è esente da problematiche, per aviare una attività bisogna essere pronti ad affronatre problemi differenti dai classici problemi legati alla vendita sul posto.

Perchè i clienti non acquistano un determinato prodotto?
A volte i produttori e i venditori non sono in grado di cogliere ed interpretare le abitudini di acquisto dei consumatori, o non sanno soddisfare le aspettative del cliente nella vendita online, in tal modo anche un prodotto blasonato può non raggiungere i target di vendita prefissati.
Prima di decidere di aprire un vostro e-commerce sarebbe opportuno effettuare delle ricerche di mercato mirate, simili a quelle intraprese dai canali di vendita tradizionali, per poter stimare a priori l'appetibilità di un prodotto piuttosto che un altro.

Mancanza di analisi dello scenario concorrenziale. Anche se in possesso di enormi capacità tecniche, per realizzare un'attività di vendita sul web, come ad esempio la vendita di libri on-line, è necessario uno studio preventivo dei competitors più prossimi e mettere in campo una strategia di vendita più aggressiva, anche se meno redditizia sul breve termine, per cercare di trappare fette di mercato alla concorrenza.

Incapacità di prevedere le reazioni nell'ambiente in cui opera l'impresa. Cosa faranno i concorrenti? Introdurranno marchi in concorrenza con il nostro o addirittura potrebbero realizzare dei siti web analoghi al nostro e farci concorrenza. Amplieranno i servizi offerti? Faranno una concorrenza spietata sui prezzi? Per attenuare queste possibili conseguenze è consigliabile analizzare la concorrenza, i settori industriali e i mercati coinvolti, proprio come si farebbe nel caso di un'attività tradizionale.

Sovrastima delle competenze aziendali. L'azienda, i dipendenti, i software adottati e i flussi di informazione possono tutti insieme sostenere la strategia adottata? I negozianti on-line non riescono sempre a formare adeguatamente i propri dipendenti e a sviluppare le necessarie competenze. Queste tematiche possono rendere necessarie una pianificazione delle risorse e una formazione più specifica dei dipendenti.

Le risorse dell'azienda sono sufficientemente coordinate? Se i controlli e la reportistica non bastano, è possibile cambiarli adottando una struttura organizzativa maggiormente flessibile, affidabile e lineare, anche se non è detto che questo cambiamento permetta di raggiungere un migliore coordinamento interno.

Incapacità nell'assicurarsi l'impegno da parte dei dipendenti. Se i progettisti non traducono in modo chiaro la loro strategia ai sottoposti, oppure non riescono a delineare loro l'intero quadro in cui si troveranno a operare, un possibile rimedio può essere quello di offrire un percorso di formazione dedicato, come pure di fissare uno schema di incentivi ai dipendenti.

Sottovalutazione dei tempi richiesti per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. La realizzazione di un'impresa di e-commerce può richiedere un considerevole dispendio di tempo e danaro e l'incapacità di comprendere la giusta sequenza dei processi imprenditoriali e la tempistica relativa può portare a rilevanti aumenti dei costi, rispetto a quanto preventivato.

Incapacità di rispettare i tempi pianificati. Una scarsa verifica del rispetto degli obiettivi fissati inizialmente come pure un ridotto controllo della performance aziendale rispetto a quanto ipotizzato in fase di pianificazione possono far sorgere delle difficoltà nella conduzione aziendale. È possibile ovviare a questi inconvenienti con dei tipici strumenti di gestione aziendale: benchmarks (indicatori dell'attività dei concorrenti presi a riferimento), traguardi interni di performance, analisi della variazione degli indicatori aziendali, istituzione di penalizzazioni per il conseguimento di performance negativa o, viceversa, ricompense per il raggiungimento di obiettivi aziendali, e, infine, misure per riallineare l'attività aziendale.